I problemi dell’epidemia del gioco d’azzardo

In tutto il Pianeta è presente il mondo del gioco, in tutto il Pianeta la gente si diverte giocando d’azzardo e sulle slot machine: ormai il gioco sia live che online è entrato in punta dei piedi nella nostra vita e ci aiuta a passare il nostro tempo libero con “quel gioco preferito” che ci estranea, almeno per un po’, dal quotidiano facendoci allontanare dai pensieri e dalle preoccupazioni che da qualche tempo a questa parte popolano il nostro sociale giornaliero. Da qui a sostenere che vi sia un’epidemia del gioco pensiamo vi sia un abisso e tanti cittadini “benpensanti” dovrebbero prima di schierarsi e scagliarsi contro il settore leggere dati certi e non quelli inventati che vengono “propinati” quotidianamente forse per far colpo sulla popolazione o per meri scopi elettorali e, quindi, per cercare di riacquistare fiducia nei cittadini.

Il dato certo sul tasso totale dei casi si attesta sull’ordine del 5per 100.000 della popolazione -senza mancare di rispetto ad alcuno equivale a quello della SLA- e si ricorda anche che quando si fanno battaglie contro il gioco d’azzardo bisognerebbe differenziare il gioco legale da quello illegale per avere dati concreti: questo poiché chi “vuole” giocare giocherà sempre e dovunque e comunque. Non si può far risalire sempre e comunque al disagio da gioco episodi distruttivi, crisi economiche o chiusure di aziende: “forse” e sottolineiamo forse tutti questi disagi stanno anche nella crisi conclamata di tutta Europa e dell’Italia in particolare. Certamente trovare un capro espiatorio fa comodo ai nostri politici, molto comodo….

I commenti sono chiusi.